Jordi Ruiz ritorna in Spagna

Dopo quattro stagioni in maglia biancoblù, Jordi Ruiz, il matador in casacca numero 11, fa ritorno in Spagna. Arrivato a Cantù nella stagione 2013-14, subito inaugurata con la vittoria della prima Supercoppa italiana a Palermo, la guardia spagnola saluta il club del presidente Alfredo Marson dopo aver messo a curriculum tre Scudetti, due Supercoppa italiana, due Coppa Italia e un secondo posto in Europa. Nel futuro di Ruiz c’è il club spagnolo del C.D. Ilunion, avversario della UnipolSai nella finale di Champions Cup a Tenerife, squadra dove oggi milita gran parte della nazionale spagnola, di cui lo stesso Ruiz è parte.

Sangue bollente, grinta da vendere e una mano capace di annientare le distanze a colpi di triple. Così lo ricorderanno i tifosi biancoblù che, dagli spalti più carichi e vibranti del panorama italiano ed europeo, hanno sostenuto le sue gesta sul campo in queste 4 intense e vincenti stagioni sportive.

“Auguriamo a Jordi Ruiz il meglio per il suo futuro sportivo - il commento del Presidente Alfredo Marson -, dopo quattro anni in maglia biancoblù inizia per lui un nuovo percorso professionale. A Cantù, dove è arrivato poco più che ventenne, lo abbiamo visto crescere e formarsi, fino a diventare il giocatore ma soprattutto l’uomo che è oggi, come è nelle intenzioni della nostra società con tutti i giovani di talento che abbiamo la fortuna di aver visto passare da qui. Siamo certi saprà fare tesoro di quanto imparato e confidiamo di rivederlo al più presto sui campi da gioco internazionali”.

“Parto da Cantù con tanta tristezza - queste le parole di Jordi Ruiz -, sono stati 4 anni meravigliosi e indimenticabili nei quali sono cresciuto tantissimo come giocatore e come persona. Non dimenticherò mai le vittorie raggiunte con i miei compagni, come abbiamo sempre tenuto duro nei momenti di difficoltà e come abbiamo festeggiato nei momenti di felicità. Vorrei ringraziare tutto il palasport di Seveso e i suoi tifosi per il supporto dato ogni settimana: lo hanno reso un posto molto più che speciale. Una cosa, poi, ha per me un valore molto importante: dopo infiniti momenti condivisi con tante persone, porto via con me amici che lo saranno per tutta la vita, l’Italia resterà per sempre nel mio cuore…OneTwoCantù!!!!”